Skip to content

The current position regarding COVID-19(Coronavirus) and implications for parkrun events are available on each Country's blog.

FRAMEWORK COVID-19 PER EVENTI PARKRUN

Si noti che, sebbene consideriamo questo Framework COVID-19 completo,

potrebbe essere soggetto a modifiche.

Allo stato attuale, tutti gli eventi parkrun aperti sono tenuti a seguire questo Framework COVID-19.

Framework COVID-19 per eventi parkrun

1. Premessa

  1. parkrun è un’organizzazione di beneficenza con sede nel Regno Unito, con un mandato globale di promuovere la partecipazione della comunità ad attività ricreative salutari. Dal suo debutto nel 2004, è cresciuta fino a comprendere oltre 2.100 sedi settimanali in 23 paesi, con 7 milioni di membri registrati. Prima di chiudere tutti gli eventi a causa della pandemia COVID-19, una settimana tipo avrebbe visto 350.000 persone camminare, fare jogging o correre e altre 30.000 persone offrirsi come volontarie.
  2. Tutti gli eventi seguono un unico processo di funzionamento e un protocollo di salvaguardia. Tutti gli eventi possiedono una propria specifica valutazione del rischio, ma quando si svolgono nell’ambito di questo Framework seguono anche una valutazione del rischio specifica per COVID-19.
  3. È ampiamente riconosciuto che parkrun sia un intervento di salute pubblica incredibilmente efficace, in grado di coinvolgere persone appartenenti a una vasta gamma di ambienti di provenienza e comunità. A livello globale, gli eventi parkrun attivano direttamente oltre dieci milioni di ore l’anno di attività sociali all'aperto, il che ha di per sé un impatto positivo significativo sulla salute e sul benessere. È stato anche dimostrato che, a seguito della partecipazione agli eventi parkrun, i partecipanti sono portati ad aumentare significativamente i livelli di attività in altre aree della loro vita.
  4. In tutti i parametri di partecipazione, prima del lockdown, parkrun stava crescendo di circa il 25% l'anno, con un tasso di crescita previsto in aumento negli anni successivi.
  5. È chiaro quindi che la riapertura degli eventi parkrun migliorerebbe sensibilmente la salute e il benessere di molte persone, ed il tenerli chiusi rappresenta una significativa perdita di opportunità per quanto riguarda l'accesso all'attività fisica. Inoltre, con il COVID-19 e le associate restrizioni che hanno mostrato di avere un impatto sproporzionato sulle comunità più svantaggiate, e poiché gli eventi parkrun hanno dimostrato di avere il maggiore impatto su quelle comunità, è importante, dal punto di vista della salute pubblica, riaprire gli eventi parkrun non appena sia sicuro e pratico farlo.
  6. Al fine di comprendere i rischi associati alla riapertura di eventi parkrun all'interno di comunità in cui rimane un certo livello di infezione da COVID-19, è fondamentale comprendere le modalità di trasmissione:
    1. Trasmissione per via aerea: è ormai riconosciuto che la trasmissione per via aerea è la via principale attraverso la quale il virus SARS-CoV-2 passa tra le persone. Il virus può essere diffuso sia da goccioline respiratorie di grandi dimensioni (>100 μm di diametro), che si comportano balisticamente e cadono a terra entro 2 m, sia da goccioline di aerosol esalate (<100 μm di diametro), che potenzialmente rappresentano un rischio maggiore perché possono viaggiare più lontano e rimanere sospese in aria più a lungo (vedi qui).
    2. Trasmissione su superfici (fomite): Nell'aprile 2021 l’US Centres for Disease Control and Prevention ha pubblicato un documento informativo sulla trasmissione attraverso superfici al chiuso (fomite), affermando che il contatto con una superficie contaminata ha meno di 1 su 10.000 possibilità di causare un'infezione. Le superfici all’esterno presentano un rischio inferiore rispetto alle superfici all’interno. Il rischio di infezione si riduce ulteriormente del 99% entro 72 ore. Pertanto, non riteniamo che gli eventi parkrun che operano nell’ambito di questo Framework presentino un rischio materiale di trasmissione del virus tramite il contatto con le superfici.

2. Punti di forza del modello operativo di parkrun

  1. Le prove suggeriscono che è molto meno probabile che gli ambienti all’aperto contribuiscano alla trasmissione di COVID-19 rispetto agli ambienti al chiuso. Tutti gli eventi parkrun si svolgono interamente all’aperto e non richiedono ambienti chiusi.
  2. Camminare e correre sono attività senza contatto che non richiedono alcun contatto faccia a faccia prolungato.
  3. Gli eventi parkrun richiedono pochissime attrezzature e hanno sempre seguito un modello operativo semplice che richiede un'infrastruttura per eventi minima.
  4. Tutti i partecipanti sono tenuti a registrarsi online e prima della loro partecipazione e non è inoltre necessario procurarsi alcun accessorio (come i pettorali di gara) per partecipare.
  5. I camminatori, i corridori e i volontari sono invitati a fornire indirizzi e-mail come parte del loro processo di registrazione online e, di conseguenza, in conformità con la nostra politica sulla privacy, siamo in grado di contattare in modo accurato e rapido le persone presenti in un dato giorno per facilitare il tracciamento - come, ad esempio, il programma NHS Test and Trace del Regno Unito - se necessario. parkrun Global gestirà questo processo (se necessario), non i singoli team degli eventi.

3. Funzionamento dell’evento durante COVID-19

  1. Agli eventi parkrun che operano nell'ambito del Framework COVID-19, il/i Direttore/i dell'evento di ciascun evento agirà/agiranno come Funzionario/i COVID-19, il che significa che:
    1. Prima della riapertura, sarà loro richiesto di familiarizzare con questo documento e confermare di averlo fatto.
    2. Dovranno assicurarsi che anche tutti i direttori di corsa abbiano familiarità con questo documento e seguano queste linee guida il giorno dell'evento.
  2. Tutti i partecipanti e i volontari devono sottoporsi a un'autovalutazione per eventuali sintomi di Covid-19. Nessuno dovrebbe partecipare a un evento parkrun se presenta una delle seguenti condizioni: temperatura elevata (superiore a 37,8 °C), tosse recente e continua, perdita o alterazione del senso dell'olfatto o del gusto. Questo controllo deve essere effettuato prima di ogni evento parkrun. Se un individuo ha dimostrato tali sintomi, non deve partecipare o fare volontariato e dovrebbe seguire le indicazioni pertinenti nel proprio paese di residenza.
  3. A chiunque sia già stato prescritto da un operatore sanitario di autoisolarsi deve continuare a seguire questo consiglio e non partecipare o fare volontariato.
  4. Tutti sono tenuti a rispettare le restrizioni di salute pubblica ed evitare comportamenti ad alto rischio al di là dell’impegno messo da parkrun nel ridurre il rischio nei confronti dei partecipanti e di altri presenti.
  5. In caso di lockdown locale di una particolare area, gli eventi parkrun pertinenti verranno chiusi con effetto immediato e i parkrunner registrati di quell'area verranno informati in modo appropriato.
  6. In alcune situazioni le persone necessitano di assistenza diretta per partecipare ai nostri eventi, come nel caso di persone con disabilità visiva che richiede una guida. In queste situazioni, mentre tutti devono rispettare il distanziamento ove possibile, è chiaro che i benefici per la salute della partecipazione superano i rischi per la salute, ad esempio, dell'essere guidati. In quanto tale, laddove gli eventi operano nell'ambito di questo Framework e un individuo non può partecipare senza il supporto di un'altra persona, questo supporto è consentito.

4. Arrivare agli eventi

  1. I partecipanti dovrebbero essere incoraggiati, ove possibile, a recarsi ai loro eventi a piedi, in bicicletta o con mezzi privati, senza infrangere le linee guida di distanziamento sociale specifiche per la loro regione.

5. Ritrovo iniziale e preparazione dell’evento

  1. I Direttori di Corsa della giornata devono avere familiarità con queste linee guida operative.
  2. Quando i volontari arrivano la mattina dell'evento, devono seguire le linee guida per il distanziamento sociale vigenti localmente.
  3. Tutti i volontari devono essere sempre privi di sintomi e disinfettare le mani quando arrivano all'evento. Tutti gli eventi parkrun forniranno disinfettante per le mani ad uso dei volontari.
  4. Un singolo volontario dovrebbe assegnare i ruoli agli altri volontari, uno alla volta, al loro arrivo, e distribuire loro i gilet seguendo sempre le linee guida di distanziamento sociale vigenti localmente.
  5. Grazie al semplice modello operativo di parkrun, l'attrezzatura dell'evento (ad esempio frecce, segnali di partenza/arrivo, l'incanalamento di arrivo) è considerata essenziale per il funzionamento sicuro dell'evento. Tuttavia, dovrebbe essere collocata (e raccolta alla fine dell'evento) con il minor contatto umano possibile.
  6. I partecipanti, i volontari e gli spettatori sono tenuti a seguire tutto il tempo le linee guida per il distanziamento sociale vigenti localmente.
  7. Qualsiasi area utilizzata per una riunione pre-evento dovrebbe massimizzare lo spazio disponibile per ogni partecipante e ridurre al minimo la quantità di tempo che i partecipanti trascorrono l'uno vicino all'altro.
  8. In alcune aree geografiche gli eventi sono tenuti a visualizzare e promuovere codici QR e applicazioni ufficiali di tracciamento dei contatti. In tali casi, i team dell'evento e le community di parkrun verranno avvisate direttamente.
  9. I briefing per i nuovi arrivati sono fondamentali per il benessere dei partecipanti e per creare un'atmosfera accogliente per le persone che potrebbero sentirsi in ansia. Questi dovrebbero tenersi dieci minuti prima dell'inizio dell'evento, durare non più di due minuti e seguire linee guida di distanziamento sociale vigenti localmente.
  10. Gli eventi junior parkrun sono tenuti ad effettuare dei riscaldamenti prima dell'inizio. Questi sono considerati parte dell'evento stesso e bisognerebbe avere cura di seguire linee guida di distanziamento sociale vigenti localmente.
  11. Gli eventi parkrun non prevedono dei soccorritori qualificati. Tutti gli eventi sono comunque forniti di un kit di pronto soccorso che, se richiesto, deve essere utilizzato rispettando, se possibile, le linee guida di distanziamento sociale vigenti localmente. Gli incidenti critici devono essere gestiti in conformità con la nostra politica sugli incidenti critici.

6. La partenza

  1. Le linee di partenza dovrebbero essere realizzate in modo da massimizzare lo spazio disponibile per ogni partecipante e ridurre al minimo la quantità di tempo che i partecipanti trascorrono l'uno vicino all'altro. Gli adattamenti che ogni evento dovrebbe quindi considerare sono:
    1. (Obbligatorio) - I briefing pre-evento devono essere mantenuti per un tempo massimo di due minuti (si veda esempio di seguito) e, idealmente, dovrebbero essere programmati in anticipo per rispettare i tempi.
    2. (Obbligatorio) - I partecipanti devono essere spostati sulla linea di partenza il più vicino possibile all'orario di inizio, per ridurre al minimo il tempo trascorso l'uno vicino all'altro.
    3. (Obbligatorio) - Tutti gli eventi devono iniziare rigorosamente in orario per ridurre al minimo la quantità di tempo che i partecipanti trascorrono l'uno vicino all'altro.
    4. (Obbligatorio) - Ai partecipanti deve essere chiesto di distribuirsi in modo appropriato, con corridori più veloci davanti e corridori/camminatori più lenti verso la parte posteriore.
    5. (Da considerare) - A seconda della conformazione del percorso, le aree di partenza possono essere spostate dalla loro posizione abituale se è disponibile una zona più spaziosa e il rischio viene valutato in modo appropriato. Nota: linee di partenza più larghe non sempre favoriscono il distanziamento sociale in quanto possono portare a congestione se il percorso si restringe poco dopo. Questo dovrebbe essere valutato dai team degli eventi.
  2. Se un'area di partenza viene spostata per adattamenti al COVID-19, la distanza totale del percorso degli eventi da 5k può essere aumentata fino a 500 m, se necessario, e la distanza totale del percorso degli eventi junior può essere aumentata fino a 200 m. È importante sottolineare che i percorsi non devono essere più brevi, rispettivamente, di 5 km o 2 km.
  3. Tutte le registrazioni dei tempi e le scansioni degli eventi devono essere eseguite utilizzando l'applicazione mobile parkrun Virtual Volunteer. Non è consentito l'uso dei tradizionali cronometri e lettori di codici a barre.
  4. I partecipanti devono essere invitati ad osservare, ove possibile, le disposizioni locali sul distanziamento sociale.

7. Durante l’evento

  1. Ai partecipanti è consentito camminare o correre al proprio ritmo.
  2. Durante l'evento, i partecipanti dovrebbero camminare, fare jogging o correre cercando di utilizzare tutto lo spazio disponibile e riducendo al minimo il tempo trascorso in prossimità l'uno dell'altro.
  3. I pacer sono ammessi dove ciò non contrasta con le linee guida di distanziamento sociale vigenti localmente.
  4. I partecipanti non dovrebbero comportarsi in maniera tale da contraddire le linee guida di distanziamento sociale vigenti localmente.
  5. Dare sempre la precedenza agli altri utenti del parco o dell'area aperta.

8. L’arrivo

  1. II traguardi dovrebbero trovarsi in un'area il più aperta possibile e, se necessario, possono essere spostati ed il rischio valutato in modo appropriato.
  2. Se un'area di arrivo viene spostata per adattamenti al COVID-19, la distanza totale del percorso degli eventi da 5k può essere aumentata fino a 500 m, se necessario, e la distanza totale del percorso degli eventi junior può essere aumentata fino a 200 m. È importante sottolineare che i percorsi non devono essere più brevi, rispettivamente, di 5 km o 2 km.
  3. L’area d’arrivo dovrebbe essere ampliata, ove possibile, e dovrebbe essere creato spazio sufficiente in modo che i token di arrivo possano essere distribuiti senza causare affollamento e in modo da rispettare i requisiti di distanziamento, ove possibile.
  4. L'imbuto finale dovrebbe essere allungato, se utile per aumentare il flusso ed evitare l'affollamento.
  5. I token d’arrivo dovrebbero essere distribuiti alla fine dell'imbuto, non all'inizio.
  6. Gli addetti alla scansione devono essere distanziati e sufficientemente lontani dall'imbuto di arrivo per evitare che si creino delle code e possa essere mantenuto il distanziamento. Non devono essere posizionati direttamente alla fine del corridoio di arrivo.
  7. La scansione del codice a barre deve essere eseguita utilizzando l'applicazione parkrun Virtual Volunteer sul dispositivo mobile del volontario. (I lettori di codici a barre degli eventi non devono essere utilizzati).
  8. Il numero di volontari addetti alla scansione dovrebbe essere notevolmente aumentato:
    1. L'applicazione parkrun Virtual Volunteer è stata sviluppata per soddisfare un numero crescente di utenti e la richiesta per un utilizzo al 100%.
    2. Raccomandiamo che gli eventi da 5k cerchino di dotarsi di all’incirca un volontario addetto alla scansione ogni 50 finisher e gli eventi junior puntino ad avere un volontario addetto alla scansione ogni 25 finisher.
  9. La scansione dei token di arrivo e dei codici a barre personali deve avvenire, dove possibile, completamente senza contatto e a distanza, con i partecipanti che mantengono la propria posizione e i codici a barre personali, quindi depositano il loro token in un contenitore, dopo essere stati scansionati.

9. Dopo l’evento

  1. I token, prima di essere sistemati, devono essere lavati subito dopo ogni evento oppure messi in quarantena per 72 ore alla fine di ogni evento.
  2. Gilet e cordini devono essere lavati subito dopo ogni evento oppure messi in quarantena per 72 ore alla fine di ogni evento.
  3. La condivisione dell'attrezzatura va, per quanto possibile, evitata.
  4. Qualsiasi raduno successivo agli eventi parkrun dovrebbe rispettare le disposizioni locali sul distanziamento sociale e non urtare la sensibilità della comunità del posto.
  5. Tutti i partecipanti, i volontari e gli spettatori sono tenuti a rispettare la normativa locale sul mantenimento delle distanze interpersonali dopo l'evento.

10. Bambini

  1. I bambini hanno dimostrato di essere a minor rischio di COVID-19, tuttavia, hanno anche meno probabilità di distanziarsi socialmente o di osservare l'igiene delle mani.

  2. Negli eventi da 5k la regola degli under 11 dovrebbe essere evidenziata in maniera particolarmente chiara.

  3. In tutti gli eventi, ai partecipanti deve essere ricordato che prima, durante e dopo l'evento, i bambini sono tenuti a rispettare le linee guida locali relative al distanziamento sociale previste per la loro categoria d’età.

11. Supporto delle comunicazioni da parkrun HQ

  1. Tutti i parkrunner saranno avvisati personalmente tramite e-mail delle linee guida pre-riapertura, una volta confermata la data di riapertura del loro evento, incluso un codice di condotta che evidenzi alcuni aspetti chiave, come il divieto di partecipazione se sintomatici, i requisiti di distanziamento sociale, l'igienizzazione delle mani all'arrivo e alla partenza (i partecipanti che non siano volontari devono provvedere al proprio disinfettante per le mani) ed il rispetto dello spazio personale delle altre persone. Tutti i nuovi registrati riceveranno le medesime linee guida.
  2. Tutti i canali di comunicazione nazionali includeranno periodici aggiornamenti sul Framework COVID-19 parkrun.
  3. La comunicazione dovrebbe anche includere una spiegazione del fatto che alcuni eventi saranno molto affollati e, sebbene abbiamo cercato di ridurre al minimo il rischio, i partecipanti dovrebbero decidere autonomamente se si sentono a proprio agio nel tornare.

12. Monitoraggio e tracciabilità

  1. I camminatori, i corridori e i volontari sono invitati a fornire gli indirizzi e-mail come parte del loro processo di registrazione online e, di conseguenza, in conformità con la nostra politica sulla privacy, se necessario, siamo in grado di contattare, in modo accurato e rapido, le persone presenti in un dato giorno, in modo da facilitare il contatto per tracciabilità, come per esempio il programma NHS Test and Trace del Regno Unito. parkrun Global gestirà questo processo (se richiesto), non i singoli team degli eventi.
  2. Siamo in grado di comunicare rapidamente (via e-mail), dopo gli eventi, con specifici gruppi di parkrunner e, laddove richiesto dagli enti di sanità pubblica, possiamo farlo in modo efficace e professionale.
  3. Nel caso in cui un partecipante o un volontario partecipa a un evento parkrun e successivamente risulta positivo, non deve essere intrapresa alcuna azione, a meno che non sia richiesto dalle autorità ufficiali di tracciamento emonitoraggio.

13. Miglioramento del supporto ai volontari

  1. I sondaggi ci dicono che la maggior parte dei parkrunner è favorevole a tornare a camminare, fare jogging, correre o a fare il volontario. Tuttavia, il ritorno in luoghi in cui è ancora presente un certo livello di infezione solleverà senza dubbio una serie di domande dall'interno e dall'esterno della comunità parkrun. Forniremo quindi ulteriore supporto ai volontari in modo che siano in grado di svolgere i loro ruoli senza pressioni e ansie indebite.
  2. Le richieste di chiarimento sul COVID-19 tramite parkrunner o il supporto agli eventi verranno intercettate velocemente.
  3. L’assistenza per l'elaborazione dei risultati sarà migliorata attraverso una maggiore disponibilità del sistema di supporto tramite chat e un aumento del numero di volontari centrali che supportano tale servizio.
  4. I team degli eventi e gli ambassador riceveranno comunicazioni regolari sull’applicabilità di queste linee guida e sulla loro applicazione a livello degli eventi.
  5. Tutti i volontari parkrun sono coperti dalla nostra polizza assicurativa di responsabilità civile purché seguano queste linee guida al meglio delle loro capacità.

14.Aggiornamenti a Virtual Volunteer/WebFMS

  1. L'uso di Virtual Volunteer può essere un processo completamente senza contatto con i volontari, non dovendo maneggiare alcun token o codice a barre.
  2. Al termine della scansione o del cronometraggio, Virtual Volunteer consentirà una semplice identificazione del volontario (scansionando il proprio codice a barre o digitando il proprio nome) e il luogo dell'evento (scansionando il codice QR specifico dell'evento).
  3. I dati di scansione e cronometraggio verranno automaticamente trasferiti direttamente al WebFMS di quell'evento, pronti per l'elaborazione.
  4. I volontari che scansionano e cronometrano (che scansionano il loro codice a barre o digitano il loro nome durante il caricamento) verranno automaticamente accreditati per il volontariato a quell'evento.
  5. È stata mantenuta la compatibilità per iOS e Android.

15. Esempio di discorso pre-corsa

  • Evento junior
    • Benvenuti a Harrogate junior parkrun.
    • Grazie ai volontari di oggi, se volete dare una mano come volontari in futuro, parliamone più tardi, alla conclusione dell’evento. C’è sempre bisogno di volontari!
    • Il percorso è di due giri del parco. Alla fine del primo giro girate a sinistra per iniziare il secondo giro. Alla fine del secondo giro girate a destra verso il traguardo.
    • Date sempre la precedenza agli altri utenti del parco.
    • Genitori, per favore non attraversate la linea del traguardo.
    • Non ci sono pericoli sul percorso oggi, ma fate attenzione alle superfici irregolari e ai rami caduti.
    • In caso di incidenti, parlate con il volontario più vicino, che mi contatterà e vi darà aiuto.
    • Abbiamo accesso a due defibrillatori automatici esterni (DAE) nella parte più in alto e più in basso del percorso.
    • Durante l'evento, dovreste provare a camminare o correre con l'obiettivo di sfruttare tutto lo spazio disponibile e ridurre al minimo il tempo in stretta vicinanza l'uno all'altro.
    • Tendete la mano all’arrivo per ricevere un token.
    • Dopo il traguardo siete pregati di continuare a rispettare le linee guida locali sul distanziamento sociale.
    • Tenete in mano il vostro codice a barre e il token affinché il volontario addetto possa effettuare la scansione.
    • Bambini (e genitori), è una corsa, non una gara, sorridete.
    • Siete tutti pronti?
    • Via!
  • Evento da 5km
    • Benvenuti a Roma Pineto parkrun.
    • Il percorso è costituito da due giri in senso orario.
    • Grazie ai volontari di oggi, se volete dare una mano come volontari in futuro, parliamone più tardi, alla conclusione dell’evento. C’è sempre bisogno di volontari!
    • Date sempre la precedenza agli altri utenti del parco.
    • Il percorso è fangoso oggi dopo la pioggia, quindi fate attenzione alle superfici scivolose o irregolari.
    • In caso di incidenti, parlate con il volontario più vicino, che mi contatterà e vi darà aiuto.
    • Durante l'evento, dovreste provare a camminare, fare jogging o correre con l'obiettivo di sfruttare tutto lo spazio disponibile e ridurre al minimo il tempo in stretta vicinanza l'uno all'altro.
    • Tendete la mano all’arrivo per ricevere un token.
    • Dopo il traguardo siete pregati di continuare a rispettare le linee guida locali sul distanziamento ed aiutate i vostri bambini a fare altrettanto.
    • Tenete in mano il vostro codice a barre e il token affinché il volontario addetto possa effettuare la scansione.
    • I bambini di età inferiore agli 11 anni devono essere sempre a portata di mano di un genitore, tutore o adulto designato dai genitori.
    • È consentito un cane per partecipante e deve essere tenuto al guinzaglio corto.
    • Siete tutti pronti?
    • Via!

Valutazione del rischio COVID-19 per il ritorno degli eventi parkrun.

Rischio Tipo Commento Misura
Generale trasmissione tra partecipanti e/o volontari. Fomite e goccioline. Tutti gli eventi parkrun sono incontri della comunità locale tra persone di famiglie
diverse.
Le persone non devono partecipare se mostrano sintomi di COVID-19, se sono risultate
positive di recente, se vivono con qualcuno che è risultato positivo di recente o se sono tenuti a
mettersi in quarantena per qualsiasi altro motivo.
Partecipanti che vengono in contatto con altra gente mentre si recano ad un evento parkrun. Fomite e goccioline. In genere con gli eventi parkrun non vediamo grandi gruppi di persone che percorrono lunghe
distanze insieme (come nel caso dei tifosi di calcio in pullman) e molte persone si recano già ai
loro eventi camminando, correndo o andando in bicicletta.
Incoraggiare i partecipanti a osservare le linee guida sulla salute pubblica durante il
viaggio verso l'evento. Incoraggiare pure le persone a recarsi agli eventi camminando, correndo o
andando in bicicletta .
Partecipanti che, recandosi a un evento, spostano la malattia da un’area all’altra. Fomite e goccioline. Tre quarti dei parkrunner vivono entro i 10km dall’evento a cui partecipano. Incoraggiare le persone a frequentare i loro eventi locali dove possibile.
I volontari diffondono il virus toccando l'attrezzatura specifica del percorso. Fomite. Sebbene gli eventi parkrun non richiedano molto in termini di attrezzatura del percorso,
gli elementi standard sono essenziali (ad es. bandiere, frecce, picchetti, nastro)
Tutti i volontari devono disinfettarsi le mani all’arrivo (con disinfettante procurato
dall’evento), e va loro ricordato di adottare buone pratiche di igiene. Far toccare gli oggetti a
meno gente possibile.
I gilet e i cordini dei volontari trasmettono il virus nel gruppo dei volontari. Fomite. Gli eventi parkrun hanno una media di circa 20 volontari per ogni evento. I gilet e i cordini dei volontari vanno lavati o messi in quarantena per 72 ore tra un
evento e l'altro e consegnati da un singolo volontario dedicato con il minor contatto possibile.
Tutti gli oggetti devono essere riconsegnati ugualmente con il minor contatto possibile e non
toccati fino alla settimana successiva.
L’uso dei sistemi di cronometraggio e scansione provoca la trasmissione del virus. Fomite e goccioline. Gli eventi parkrun utilizzano dispositivi di cronometraggio e scansione per svolgere queste
funzioni. Ciò genera un rischio fomite in quanto i dispositivi vengono distribuiti, utilizzati,
raccolti e quindi collegati ai laptop. Ogni contatto presenta anche un rischio di trasmissione di
goccioline.
Tutte le operazioni di cronometraggio e scansione vanno eseguite con dispositivi mobili dei
volontari utilizzando l'applicazione dedicata. Questo rimuove completamente il rischio di
trasmissione di fomite e goccioline attraverso questa attività.
I parkrunner si trovano molto vicini prima e dopo gli eventi. Goccioline. I volontari tipicamente arrivano 30-45 minuti prima della partenza, e i partecipanti
tipicamente arrivano 10-30 minuti prima dello start.
Bisogna ricordare a tutti i parkrunner della necessità di mantenere il distanziamento prima
e dopo l’evento.
I parkrunner si trovano molto vicini sulla linea di partenza. Goccioline. Non è possibile far partire a ondate o limitare il numero dei partecipanti, quindi tutti i
partecipanti devono trovarsi alla linea di partenza contemporaneamente.
Ridurre al minimo il tempo alla linea di partenza portando le persone lì all'ultimo minuto
e mantenendo i briefing pre-evento al di sotto dei due minuti. Spostare le linee di partenza in aree
con più spazio, se possibile.
I parkrunner si trovano molto vicini sul percorso. Goccioline. Senza contatto e non faccia a faccia, ed in genere non per lunghi periodi di tempo. Durante l'evento, i partecipanti dovrebbero camminare, fare jogging o correre cercando di
sfruttare tutto lo spazio disponibile e riducendo al minimo il tempo trascorso in stretta vicinanza
l'uno con l'altro.
I parkrunner si trovano molto vicini sulla linea d’arrivo e nel percorso di incanalamento
finale.
Fomite e goccioline. I parkrunner entrano nel corridoio di arrivo e ricevono un token. Per un breve periodo di
tempo sono in contatto non faccia a faccia entro 1 m.
I corridoi all’arrivo vanno estesi ove possibile, i token vanno distribuiti alla fine della
canalizzazione anziché all'inizio. Gli addetti alla scansione vanno allontanati dall'estremità del
corridoio d’arrivo per consentire una più rapida dispersione. Il numero dei volontari addetti alla
scansione vanno aumentati in modo significativo per eliminare le code. Gli addetti scanner vanno
adeguatamente distanziati per consentire a se stessi e ai partecipanti di rispettare il
distanziamento.
I token d’arrivo diffondono il virus. Fomite. Ad ogni finisher bisogna consegnare un token d’arrivo per registrare la propria posizione. I token vanno disinfettati o messi in quarantena per 72 ore tra un evento e l'altro e
gestiti dal minimo numero di persone, che si sono tutte disinfettate le mani. Ogni finisher deve
tenere il proprio token mentre viene scansionato, e poi deve lasciarlo cadere direttamente in un
contenitore.
Soggetti ad alto rischio di infezione da COVID-19 tra i presenti. Fomite e goccioline. I partecipanti a parkrun non sono in genere individui ad alto rischio. Tuttavia, a causa
dei grandi numeri complessivi, a molti eventi parteciperanno persone ad alto rischio.
Sebbene abbiamo mitigato il maggior numero possibile di rischi, non esiste un ambiente sicuro al 100%. Dal momento in cui annunceremo pubblicamente la riapertura degli eventi
in poi, i nostri canali di comunicazione forniranno regolarmente informazioni sulla riduzione al
minimo dei rischi e sull'adozione delle precauzioni necessarie.